Let’s Go Germany!

Dopo la notizia della legalizzazione maltese che ha riempito il mondo di gioia nel mese di dicembre, è arrivata anche la Germania a dare speranza…

L’establishment tedesco detto “governo semaforo” (composto da socialdemocratici, verdi e liberali) ha pattuito nero su bianco che la Germania liberalizzerà la cannabis a uso ricreativo entro il 2022. 

Il merito di questo inestimabile successo è principalmente del partito dei verdi tedeschi e del suo leader Robert Habeck.

Il segretario del partito verde (sostenuto dagli studi dell’università di Dusseldorf) ha calcolato che la legalizzazione della cannabis a uso ricreativo porterà alle casse dello stato oltre 5 miliardi di euro, soldi derivanti dalla tassazione della sostanza. 

“Al momento questo denaro resta nelle mani della criminalità organizzata. La collettività deve rimpadronirsene e impiegarlo in materia di prevenzione e cura delle patologie portate dalla tossicodipendenza”– sostiene Habeck

Oltre a questo aspetto c’è da calcolare anche il degrado portato da spacciatori (e clienti) in alcune zone rurali. Una situazione latente da diversi decenni che provoca non poche polemiche e disagi ai cittadini residenti in queste zone, che vorrebbero vivere gli spazi comuni delle città in serenità. 

La legge è volta a stroncare drasticamente il mercato illegale della cannabis, portando oltre agli introiti derivanti dalla tassazione un ulteriore risparmio di 1,3 miliardi nelle spese per la sicurezza urbana. 

A sostegno di questa tesi ci sono i dati provenienti dagli Stati Uniti d’America, che hanno visto diminuire le rapine del 26% e gli omicidi dell’11% negli ultimi 5 anni di legalizzazione in 21 stati.

Con grande plauso del mondo progressista internazionale, il governo tedesco di Scholz ha deciso di sancire una delle libertà fondamentali dell’individuo, che porterà alla Germania lavoro, sostenibilità e innovazione. 

L’opinione pubblica tedesca invece, si mostra un po’ meno lungimirante e progressista. I dati infatti indicano che è a favore solo il 49% della popolazione, che ritiene la scelta del governo civicamente rilevante. 

I commenti dall’oltralpe non si sono fatti attendere. I principali partiti di destra conservatrice hanno demonizzato il governo tedesco per questa decisione. Ovviamente alcuni dei nostri politici preferiscono lasciare i soldi della cannabis a camorra e Ndrangheta, mantenendo lo standard di delinquenza nelle periferie Italiane…


Sara Monaco